Corsi e ricorsi storici

Non parlo spesso di politica da queste parti ma i fatti di questi giorni mi hanno fatto riflettere un pochino su alcune cose.

Un sindaco di Roma che viene “acclamato” a furor di partito come leader del futuro Partito Democratico mi ricorda vagamente quello che era stato fatto tempo addietro con un altro amatissimo sindaco di Roma teletrasportato dalla politica locale a quella nazionale. Tanto per fare nomi e cognomi quello che oggi sta accadendo con Veltroni mi ricorda molto quello che qualche anno addietro avvenne con Rutelli ed il neo Partito Democratico mi ricorda molto la Margerita soprattutto per le modalità con cui entrambi i partiti sono nati e per come sono stati presentati agli elettori.

Anche allora se non erro l’obiettivo era quello di raggruppare sotto un unico simbolo tutti i partiti della sinistra moderata. Poi le cose andarono diversamente da come erano state inizialmente pianificate e non sto a tediarvi ulteriormente su avvenimenti che sembrano lontani anni luce sotto 5 dita di polvere (come i 5 anni di governo Berlusconi).

Forse qualcuno non ha capito che Roma non è l’Italia e la politica nazionale e quella locale sono leggermente differenti per problematiche e dinamiche che fanno sì che se uno è molto bravo a trovare soluzioni efficienti a problemi cittadini e a farsi amare dai suoi concittadini non vuol dire che per forza di cose debba riscuotere lo stesso successo ed ottenere i medesimi risultati anche di fronte ad una platea ben più vasta.

Adesso si sta cercando di allargare “il tiro” con la speranza di riunire sotto lo stesso tetto il diavolo e l’acqua santa. Gli antichi dicevano che errare è umano, perseverare è diabolico…

Voi che ne pensate?

3 pensieri riguardo “Corsi e ricorsi storici

  1. @davide: non sono daccordo .. cosa pretendi?
    In un paese dove le cariche dello stato sono occupate da over60, e dove negli ultimi 20anni hanno sempre comandato gli over60, credo che un veltroni sia davvero un uomo nuovo e “giovane” per questo paese.

    Certo se pensiamo che a 54anni Blair ha lasciato l’incarico dopo 10anni di governo, vengono i brividi. Ma questa è l’Italia, e a noi caproni va bene così (pare).

    che poi si stia tornando alla dc, pare fatto abbastanza scontato (leggi pure cosa ne penso sul mio blog)

  2. A mio avviso non ha molto senso quello che sta avvenendo perchè riunire sotto un unico simbolo persone con idee ed ideologie diametralmente opposte che neanche con un fucile puntato alla tempia saranno mai d’accordo su determinati argomenti non ha alcun senso.

    La scelta di Veltroni è poi un “palese insuccesso”. Al posto di puntare su un leader giovane e carismatico capace di far sognare la gente per cercare di non scontentare nessuno si è scelto, permettimi la battuta, molto democristianamente il caro buon vecchio Valter con la speranza di mettere tutti d’accordo.

Rispondi