Il Fariseo ed il Pubblicano nel web 2.0

Di recente ho ritrovato la retta via e sto ricominciando ad andare a messa la domenica mattina. Magari non ve ne pò fregà de meno come dicono a Roma, “convertitevi e pentitevi” è la mia risposta (come dice Padre Fedele Bischeglie). Ok, credo che le mie quattro cazzate introduttive le ho dette. Passiamo al sodo. Il sodo è che il nuovo parroco, Don Michele, è “un tipo avanti” perchè per misurare la popolarità dei Santi usa Google ed il numero di pagine di risultato collegate al nome di ciascun Santo (e non sto scherzando, è davvero così), mentre il nuovo vice-parroco, Don Claudio, ha vinto tanti premi con i punti delle merendine e dalla stazza che ha si vede che ne ha mangiate tante!!!

Fatto sta che il rinnovamento ai vertici della parrocchia ha portato un ringiovanimento, se non altro nel modo di confrontarsi con i fedeli, che mi ha fatto tornare il “piacere” di andare a messa. Dove voglio andare a parare è molto semplice: nella lettura del Vangelo di oggi c’era un’attualissima parabola di Gesù che vi riporto qui di seguito.

Disse ancora questa parabola per alcuni che presumevano di esser giusti e disprezzavano gli altri: “Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano. Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adulteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte la settimana e pago le decime di quanto possiedo. Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: O Dio, abbi pietà di me peccatore. Io vi dico: questi tornò a casa sua giustificato, a differenza dell’altro, perché chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato”.

Ero fortemente tentato di fare un mash-up della cosa ma poi la mia rinnovata fede mi ha fermato. Nell’omelia il parroco ha posto l’accento sul fatto che presentarsi a Dio vantandosi di quanto sia fatta bene la propria “raccolta” punti sia un atteggiamento a dir poco bieco e meschino.

Ogni riferimento a persone, cose o raccolte punti del web 2.0 è puramente casuale. Le mie riflessioni personali sono facilmente deducibili e le vostre quali sono?

P.S. Come al solito mi sono scordato di dire la mia preghierina per aiutare il Milan a fare meno schifo del solito in campionato ed i risultati si vedono. Purtroppo. Per la serie Dio c’è ed io ne ho le prove.

13 pensieri riguardo “Il Fariseo ed il Pubblicano nel web 2.0

  1. Eheh, ti ringrazio molto per l’offerta, e credimi se ti dico che non mi dispiacerebbe affatto.
    Il problema è che al momento vari impegni (patente, lezioni varie e la dannata scuola) mi tolgono persino il tempo per respirare.
    Non declino l’invito perché sinceramente mi alletta; diciamo che la cosa è rimandata, per il momento. 🙂
    Tieni conto che gli arbitri che conosco io sono tutta gente della mia età, ad ogni modo, anche se magari li conosci lo stesso.

    Intanto, fra un commento e l’altro, domani si gioca di nuovo. 😀
    In bocca al lupo al tuo Milan (il mio sesto senso – nonché il 2o commento a questo post – mi dice che sei milanista).

    Ciao!

  2. Azz allora abbiamo anche delle conoscenze in comune se hai degli amici arbitri.

    Ti ripeto io non vedo la simulazione perchè non l’ha saltato 2/3 metri prima ma quando erano ad una 20ina di cm di distanza e mi sembra che sul fatto della simulazione siano tutti d’accordo: arbitri, giornalisti, tifosi competenti o meno juventini e napoletani che non abbia simulato. Rivedi l’azione a velocità normale poi rivediti il replay ravvicinato e si capisce.

    Anche perchè se vedi quando si rialza non chiede nè il fallo nè il provvedimento disciplinare e quindi credo semplicemente che Buffon abbia sbagliato il tempo dell’uscita (non c’era cattiveria ha sbagliato il tempo dell’uscita, stop) e il panterone per non fargli male (vedi quello che è successo con Kakà nel trofeo Berlusconi o a Cezsh del Chelsea l’anno scorso) l’abbia saltato.

    Ciò non toglie che per metterci una pezza il Buffon si è buttato sull’uomo e non sul pallone.

    Comunque se vuoi il Lunedì ed il Venerdì sera dalla 21 in poi in sezione (Lungo Tanaro Magenta, 2) è iniziato il nuovo corso per arbitri. Siamo alla ricerca disperata di nuovi fischietti perchè c’è carenza se vuoi fare un salto… sarai il benvenuto!!!

Rispondi