Tutti pazzi per il Fact Checking

L’avvicinarsi delle Elezioni Politiche, come è naturale che sia, ha fatto impennare il numero di dichiarazioni rilasciate da personaggi pubblici (siano essi pseudo-politici, giornalisti, presentatori, uomini di spettacolo o di sport) che molto spesso lasciano perplessi. Tutto questo ha fatto si che una nuova moda, nata già da tempo ma ancora poco diffusa nella nostra italietta, dilagasse per lo più in rete portando sulla bocca di tutti un nuovo neologismo che tanto per cambiare è di origine anglosassone: il Fact Checking.

will-not-lie-politifact-fact-checking

La casalinga di Voghera, che legge attentamente tutte le notizie condivise su Facebook dai suoi amici che fanno lavori importanti in qualche grigia metropoli della nostra triste penisola, si sarà sicuramente chiesta più e più volte il significato di questo binomio che spopola tra i titoli delle principale testate online specialmente dopo gli interventi del candidato Premier di turno della coalizione tenuta in piedi con la colla vinilica che per cercare di accaparrarsi qualche voto ne ha dette di cotte e di crude. Sicuramente avrà chiesto al figlioletto che studia inglese di farsi tradurre in parole povere che significa Fact Checking e una volta scoperto che si tratta di una semplice verifica dei fatti sarà andata a trastullarsi con le amiche sulle fesserie dette il giorno prima da Caio piuttosto che sulle grandi verità che riguardano il nostro futuro affermate da Sempronio.

Ovviamente i vari social network dove è possibile attivare e monitorare il fact checking sulle notizie di vostro interesse (nella speranza che chi vi verrà in soccorso per verificare le affermazioni di vostro interesse non sia più ignorante o fazioso di chi le ha portate alla ribalta) hanno incominciato a vivere di vita propria ed è tornato alla ribalta una tematica trita e ritrita: la verifica delle notizie (o delle informazioni se vogliamo generalizzare).

Ora che l’orgasmo dovuto a questa eccezionale scoperta sta per finire, mi volete dire per che cavolo dobbiamo utilizzare il binomio inglese fact checking quando in italiano verifica dei fatti rende benissimo il significato?

Rispondi