Il telefono è morto.

Presunti manager con le pezze al culo hanno indebitato l’azienda con l’aiuto delle banche nella totale assenza della Consob e dello Stato per fare esclusivamente i loro interessi […]

Questa gente qua non ha ancora capito che oggi c’è Skype, ci sono telefonini che in tutto il mondo chiami via internet, non paghi più niente.

Il telefono è morto e questa gente è in ritardo di vent’anni […]

Beppe Grillo

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Commento personale

Questa gente qui è molto più “avanti” di quanto ci voglia far credere, solo che preferisce mantenere il popolo ignorante per marciarci sopra sulle spalle di consumatori sprovveduti e piccoli azionisti. Ma tutto ha un inizio e tutto ha una fine: di questo passo qui la fine dei furbetti del quartierino è vicina.

Se volete informazioni più dettagliate sul consiglio di amministrazione di oggi fate riferimento al blog di Quintarelli: c’è tutto quello che c’è da sapere ed anche di più.
Buona lettura.

4 pensieri riguardo “Il telefono è morto.

  1. Ciao Davide,

    sono capitato per caso, cercando info sul Wimax sul tuo sito e ne sono stato davvero contento di potermi fare un veloce giro tra alcuni tuoi articoli.

    Sono Claudio un imprenditore seriale 27 della provincia nord di salerno, laurea in Turismo e appassionato di bioarchiettura e energie rinnovabili, e di tutte le innovazioni che molti “comuni mortaliù” ignorano o preferiscono non sapere guardando i telegiornali.

    Ti scrivo in questo post a proposito di Telecom, prima in quanto grande e attento estimatore delle battaglie di Grillo contro il tronchetto dell’infelicità secondo perchè da tempo anche io sto “combattendo il tronchetto” riprendendomi parte di quanto si è preso in qusti anni.

    A Salerno ho provato a lanciare un progetto con alcuni miei conoscenti per rendere l’utilizzo del telefono analogico( senza internet, dunque senza tecnologia voip) nell’ottica e nella filosofia di FON.

    Paghiamo il canone a Telecom, bene…..perchè allora non utilizzare un modo per abbattere la nostra bolletta fino ad azzerarla rendendo il canone l’unico costo?
    Insomma condividendo senza costi aggiuntivi, nè aggiunet tecnologiche, nè limiti di contratto o vincoli temporali si può già dal 2001 in italia come nel resto del mondo telefonare a tutti gli utenti che condividono la stessa linea analogica senza alcun costo, insomma un po quello che sono le offerte VOIp che ora impazzano.

    il sito in cui puoi verificare quanto ti ho appena detto è
    http://www.acneuro.com

    noterai che in altri paesi il servizio di questa società ( servizi che arriveranno anche in italia) nn si limita alla telefonia fissa….ad esempio (Tel mobile) in germania un cellulare parla gratis con un altro cellullare.

    Ti passo questa informazione, sia come semplice comunicazione sia come un input per un eventuale collaborazione.

    Se ti fa piacere non esitare a contattarmi tramite il sito che ti ho indicato o via mail.

    Ciao
    CLaudio

  2. Sicuramente non sarà Beppe Grillo a vincere “la causa” contro Telecom, questo mi pare ovvio, però contribuirà a “tenere sveglia” l’opinione pubblica e tutti quegli utenti “sprovveduti” dei servizi di telecomunicazioni che fanno “il gioco” degli squali.

    Lo so è pura utopia, però meglio provarci e poi rammaricarsi per non esserci riusciti che non provarci affatto per paura degli squali.

  3. Credi davvero che un comico, noto stranoto al pubblico, con un blog che vale milioni di euro, una famiglia straricca alle spalle e decine centinaia di migliaia di denunce, possa davvero vincere la sua “causa” contro telecom?

    Quelli sono squali altro che furbetti da quartierino .. quelli comandano e comandano per davvero! (altrimenti dimmi tu come fa uno ad essere proprietario di tutta la rete di telecomunicazioni del Paese senza aver speso nemmeno un cent). Questa è capitalismo, questa è politica … lo vollero, lo vogliamo lo vorremo.

Rispondi