Ma un wiki che cos’è veramente?

In questi giorni chiaccherando su un noto programma per Voip con un altrettanto noto blogger italiano, mi è venuto un dubbio atroce: ma che cos’è un wiki? O meglio qual è la sua definizione? A che cosa serve? Perchè c’è sempre più gente che sente la necessità di averne uno (vedi il noto blogger)?

Gironzolando su per giù per la rete ho trovato un pò di definizioni e di esempi che vi riporto qui di seguito. Mi hanno sicuramente chiarito un pò le idee e hanno confermato pressapoco l’idea ancestrale che mi ero fatto di tale strumento di comunicazione ed aggregazione. Ma veniamo al dunque.

Da Wikipedia:

In generale

Un wiki è un sito web (o comunque una collezione di documenti ipertestuali) che permette a ciascuno dei suoi utilizzatori di aggiungere contenuti, come in un forum, ma anche di modificare i contenuti esistenti inseriti da altri utilizzatori.

Il termine wiki può anche riferirsi al software collaborativo utilizzato per creare un sito web.

Wiki – in base alla etimologia – è anche un modo di essere.

Un pò di storia

Il software wiki è nato nel design pattern di comunità web come una soluzione per scrivere e discutere pattern languages. Il Portland Pattern Repository è stato il primo wiki, creato da Ward Cunningham nel 1995 ([[2]]). Cunningham ha inventato il nome e il concetto wiki e ha prodotto la prima implementazione di un motore wiki.

Alla fine del XX secolo, i wiki sono stati considerati come una strada promettente per sviluppare le basi di una conoscenza pubblica e privata ed è stato questo potenziale ad ispirare i fondatori del progetto dell’enciclopedia Nupedia, Jimbo Wales e Larry Sanger, usando la tecnologia wiki come base per un’enciclopedia elettronica: Wikipedia è stata lanciata nel gennaio 2001. Originariamente fu basata su un software UseMod, ma poi passò al suo attuale software open source, che è ora adottato da parecchie altre wiki.

Attualmente la Wikipedia inglese è il più grande wiki seguita da quella tedesca. Il quarto più ampio wiki è Susning.nu, un “language knowledge base” svedese che utilizza un software UseMod.

Campi di applicazione

Caratteristiche principali

Un wiki permette di scrivere collettivamente dei documenti in un semplice linguaggio di markup usando un web browser. Poiché la maggior parte dei wiki sono basati sul web, il termine “wiki” è di solito sufficiente. Una singola pagina in un wiki è chiamata “pagina wiki”, mentre l’insieme delle pagine, che sono usualmente strettamente interconnesse, è chiamato “il wiki”.

Una caratteristica distintiva della tecnologia wiki è la facilità con cui le pagine possono essere create e aggiornate. Generalmente, non esiste una verifica preventiva sulle modifiche, e la maggior parte dei wiki è aperta a tutti gli utenti — o almeno a tutti quelli che hanno accesso al server wiki. In effetti, perfino la registrazione di un account utente non è sempre richiesta.

Allora avete anche voi le idee un pò più chiare ora? Io non credo di aver bisogno di un wiki per adesso, perchè non ho nessun progetto di cui mi interessa accrescere l’informazione in modo collettivo e non penso che mi possa servire per “riciclarlo” in qualche altro modo, nonostante questo sempre ieri ho provato a crearmene uno sul mio spazio web che adesso è raggiungibile a questo indirizzo.

Per farlo ho utilizzato il CMS penso più diffuso per questo utilizzo, ovvero MediaWiki, usato tanto per dirne una dalla celebre enciclopedia libera Wikipedia e non solo. E’ molto semplice da installare: basta copiarlo sul vostro server web ed accedere alla cartella principale contenente i file appena caricati ed compilare i campi presenti nella pagina web che vi comparirà. Una volta fatto basterà confermare premendo INVIO e avvierete lo script di installazione che farà tutto per voi. Unico accorgimento: necessita di PHP5 ed un database MYSQL.

Non avete uno spazio web o non vi va di trafficare troppo? Date un’occhiata qui per aprirvene uno gratuitamente in pochi click.

Rispondi