Jigga la tua musica preferita

iJiggSe siete dei entusiasti web duepuntozero dipendenti non vi sarete lasciati scappare questo nuovo servizio lanciato ufficialmente un paio di giorni fa, comunque io ci tengo ad informarvi lo stesso.

iJigg è un servizio che già dal nome richiama l’ormai celebre Digg a cui si ispira avendo però un target ben diverso: il mondo della musica. Pensate a Digg e alla sua trasposizione musicale con molte aggiunte interessanti in Flash: ecco che cos’è iJigg.

Nella home page vengono troverete tutte le canzoni che potrete jiggare naturalmente qual’ora diventiate membri del nuovo network sociale/musicale. Tra le altre funzioni molto interessanti c’è la possibilità di inserimento dei brani nella pagine web, la possibilità di commentare le varie canzoni, di classificarle con dei tag per una più facile navigazione e se siete interessati alle più popolari o alle new entry basta che andate a vedere nelle relative categorie.

Come tutti i social network di questo genere ha come obiettivo quello di creare una vasta comunità di appassionati che partecipino attivamente all’aggiornamento continuo dei contenuti commentando, segnalando e votando la loro musica preferita.

Ma nonostante i buoni propositi la guerra verso gli spammer per iJigg è già iniziata e difatti sono state già prese delle contromisure per evitare che qualcuno “giocherellando” un pò troppo causi dei disservizi quantomai sgraditi. Per questo motivo sono stati inserite delle limitazioni che sono comunque ben sbandierate per evitare equivoci di ogni genere.

Naturalmente le canzoni le potrete ascoltare, inserire nelle vostre pagine web, votare e commentare ma non c’è alcun modo per scaricarle sul vostro computer perchè per adesso iJigg è solo una comunità per condividere i propri gusti musicali nel web e quindi non offre la possibilità di acquistare il brano per poterlo magari portare sempre con se nel proprio iPod. Chissà magari in futuro ci saranno degli sviluppi a riguardo.

Lo conoscevate già? Cosa ne pensate? A mio modo di vedere sembra interessante.

[via TechCrunch]

Rispondi