Categorie
Novità Opinioni Tecnologia

Google e gli account Gmail cancellati per sbaglio

Gmail LogoChe la Gmail non sia un servizio completamente stabile lo si può lontanamente intuire dal fatto che è ancora in fase Beta (anche se ora è aperta al grande pubblico). D’altronde sembra funzionare molto bene nella stragrande maggioranza dei casi e finora non si sono riscontrati particolari problemi tali da renderla inutilizzabile tanto che in molti la utilizzano anche per altri scopi visto che i 2.8 GB di spazio sono molto appetibili sotto diversi punti di vista.

Tutto questo non vuol dire che ci si possa fidare ciecamente del servizio di posta offerto dalla grande G e che il fatto che sia ancora in fase beta sia un vezzo per rendere tutto molto più chic. I problemi di tanto in tanto ci sono e quando arrivano fanno tremare gli utenti che la utilizzano tanto che mi sento di consigliarvi di fare dei backup molto frequenti sul vostro PC proprio come consigliava Giovy qualche tempo fa. Qualche mese fa infatti “a causa di un non ben definito errore, ad alcuni utenti Gmail è stata fatta tabula rasa della loro casella di posta!” ora il problema sembra riproporsi anche se la causa non è più tanto indefinita.

Innanzitutto c’è da dire che gli account, in quest’ultimo caso, verrebbero disattivati e non cancellati quindi asciugatevi pure le gocce di sudore freddo perchè il contenuto della vostra casella di posta non dovrebbe finire nel cestino. In seconda battuta c’è da dire che il “pasticciaccio” dovrebbe essere dovuto al fatto che Google monitorando alcuni account del suo servizio di posta utilizzati dagli spammers per disturbare con la loro spazzatura ignari ed indifesi internauti in giro per la rete, ne abbia disattivati un elevato numero e tra questi c’è capitato sfortunatamente anche qualche innocentissimo utente. Il team di Gmail ha prontamente però risposto:

Stiamo cercando di capire perchè una serie di account sia stato disattivato per sbaglio e stiamo provvedendo a riattivarli. Il problema si è manifestato in seguito alle contromisure prese per bloccare un vasto network di spammers, per impedirgli di usare la Gmail e per evitare che le vostre caselle si riempano con la loro spam. Siamo molto dispiaciuti per l’inconveniente e apprezziamo la vostra pazienza nell’aspettare che gli account siano di nuovo riattivati, cosa che avverrà quanto prima.

Google sta quindi provvedendo a riportare la situazione alla normalità anche se sembrerebbero esserci non pochi problemi nel riportare tutte le cose al loro posto. Alcuni utenti che erano incappati nel problema ed a cui è già stato riattivato l’account affermano che possono effettuare il login ma non possono utilizzare tutti gli altri servizi collegati al loro account. Per chi usa i servizi di Google per fare tutto o quasi è una menomazione virtuale non da poco: non si possono scrivere articoli sul proprio blog, non si possono controllare i propri guadagni con AdSense e non si possono leggere i propri feed tramite il GoogleReader.

Non ci si può arrabbiare con Google più di tanto perchè offrono un’infinità di servizi ed il tutto gratuitamente (basta sopportare un pò di pubblicità) e a tutto ciò si aggiunge il fatto che quando si utilizza un servizio esplicitamente dichiarato essere in fase di beta testing se ne accettano implicitamente i rischi che questa fase dello sviluppo di un software comporta. D’altro canto in questi anni siamo stati trattati così bene dalla grande G che ci siamo seduti sugli allori dimenticandoci le regole fondamentali che ogni utente di qualsiasi servizio informatico dovrebbe applicare con un intregralismo che non ammette eccezioni se non si vuole rischiare di trovarsi appiedati dalla tecnologia. In ultima analisi anche Google se vogliamo ha le sue colpe perchè prima di disattivare un così elevato numero di account senza aver effettuato dei controlli minuziosi poteva accertarsi che la loro riattivazione non comportasse troppi disagi a coloro che fossero capitati in mezzo a questo marasma inconsapevolmente e senza aver fatto nulla: speriamo che abbiano almeno fatto dei backup e non sia andato perso nulla…

Torna quantomai di attualità l’interrogativo che mi ero posto qualche settimana fa sul fatto che sia o meno sensato affidarsi alla Gmail anche per scopi professionali in quanto anche se il servizio funziona bene nella maggiorparte dei casi è ancora tutto in fase beta (quindi non completamente stabile) e forse proprio per questo non è adatto a chi ha bisogno di un servizio affidabile perchè gli eventuali disservizi si ripercuoterebbero sul su business. Siete sempre della stessa idea?

6 risposte su “Google e gli account Gmail cancellati per sbaglio”

Eh eh anch’io la trovo molto comoda ed è la mia casella di posta principale. Speriamo che Google riesca a sistemarla definitivamente in modo che si possa usare on un attimo di tranquillità in più

Non sono un utilizzatore accanito di gmail. Lo utilizzo esclusivamente per i backup. Ad esempio per i backup automatici di wordpress utilizzo l’account gmail, anche se forwardo comunque il backup nella mia mail di libero.

Non vedo la necessità di utilizzare gmail per scopi professionali. Tutti gli hosting offrono mail(anche se quelli più economici con alcune limitazioni).
Dal mio canto, tutte le mail che possiedo, vuoi gmail, dreamhost, tophost, ecc.. sono comunque forwardate sulla mail di libero, che oramai la utilizzo da almeno 8 anni e non ho avuto mai problemi. :mrgreen:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.