SCPlugin: i comandi per Subversion nel Finder di Mac OS X

Subversion è un sistema di controllo open source che gestisce nel tempo file e directory presenti nel suo repository. Il repository è del tutto simile a un file server fatta eccezione per il fatto che tiene memoria di ogni cambiamento che viene effettuato su ogni file o directory. Questo permette di ripristinare versioni di dati più vecchie o di esaminare la storia dei cambiamenti dei dati contenuti. Il software è rilasciato con licenza tipo Apache/BSD [da Subversion -Italia].

E’ noto anche come svn, che è il nome del suo client a riga di comando, ed è un sistema di controllo versione progettato specificamente per sostituire CVS, che è considerato avere troppe carenze. [da Wikipedia]

In sostanza Subversion è un gestore di documenti e cartelle che si rivela molto utile nei lavori di gruppo perchè consente di evitare le sovrascrizioni e perchè conserva uno storico dei files che permette di evitare i problemi tipici che si possono vagamente immaginare quando si sviluppa qualcosa in team: non andando a cancellare i documenti delle versioni vecchie dei progetti su cui si sta lavorando se qualcuno commette qualche errore si può tornare indietro alle versioni precedentemente funzionanti evitando molti e spiacevoli inconvenienti e numerosi grattacapi.

Per poter utilizzare Subversion, ed avere quindi tutti i vantaggi che ne derivano, è necessario innanzitutto installarlo sul server sul quale si andrà a sviluppare il progetto. Una volta fatto questo ciascun sviluppatore si connetterà al server con un client ed andrà a lavorare su una propria copia dei file. Terminato il lavoro andrà ad effettuare l’aggiornamento delle versioni dei file presenti sul server con quelli appena modificati dando origine ad una nuova versione del progetto. Se qualcosa è andato storto niente panico: si torna alla versione precedente.

Come accade molto spesso quando si ha a che fare con un servizio Open Source largamente diffuso i client per poter utilizzare i servigi di Subversion sono innumerevoli: tutti con i loro pregi ed i loro difetti. Alcuni gratuiti altri a pagamento, alcuni con un’interfaccia più curata altri che badano prettamente alla sostanza, e poi ancora alcuni che funzionano su determinati sistemi operativi altri che non ci girano.

Su Mac OS X esiste una soluzione un pò diversa dal solito client che a me personalmente piace molto perchè sfrutta quello che di buono ogni utente Mac ha già: il suo sistema operativo. L’accrocchio in questione che permette di avere a disposizione i comandi per Subversion è SCPlugin e come si può facilmente capire dal nome è un plugin che estende le funzionalità del Finder.

L’installazione è molto semplice. Scaricate l’archivio contenente tutto il necessario: ovvero 1 file. Scompattate l’archivio ed andate a copiare il file SCFinderPlugin.plugin nella cartella /Library/Contextual Menu Items/ o eventualmente /Users/Username/Library/Contextual Menu Items/ comunque per facilitarvi il lavoro è presente un collegamento alla prima cartella indicata nella directory che verrà creata quando scompatterete il pacchetto scaricato: non dovete far altro che trascinarci sopra il plugin ed il gioco è sfatto.

A questo punto effettuate il Log Out dal sistema operativo e rientrate nel vostro account per avere a disposizione i comandi di Subversion direttamente dal Finder di Mac OS X. Basterà andare alla voce Vai->Connessione al Server del menu del Finder (quello in alto, ndr) ed inserire del server su cui dovete lavorare e  lo stesso vi comparirà come un comune disco di rete tra i vostri dispositivi di archiviazione.

A questo punto quando avrete bisogno di uno qualsiasi dei comandi di Subversion basterà cliccare con il tasto destro del mouse sulla cartella o sul file su cui dovrete agire e nel menu a comparsa che vi comparirà avrete l’elenco di tutti i comandi disponibili con svn. Le screenshots sotto sono molto più esaustive della mia spiegazione:

Menu contestuale

Badging

Capito tutto? Utilizzate per qualche progetto a cui lavorate Subversion? Che client utilizzate? Vi trovate bene? Per che sistemi operativi è disponibile?

3 pensieri riguardo “SCPlugin: i comandi per Subversion nel Finder di Mac OS X

Rispondi