Come proteggere le tue immagini dagli hotlink e risparmiare banda

Chi ha un suo sito web, magari ospitato su un servizio di hosting a pagamento, sa benissimo quanto costino spazio e banda al giorno d’oggi. Specialmente in Italia, ma anche altrove non è che regalino nulla. Quindi sprecarli è innanzitutto un peccato ma soprattutto un danno a livello economico. Fare delle pagine web non troppo pesanti aiuta molto a risparmiare questa preziosa risorsa oltre che ad avere delle pagine che si caricheranno in un tempo nettamente minore. Ma c’è un altro spreco di banda da cui dobbiamo metterci al riparo ed è molto meno considerato e si chiama hotlink.

Che cos’è l’hotlink delle immagini?

Visto che in giro non si trova una definizione sufficientemente chiara di questa tecnica cercherò di spiegarla a parole mie nel modo più semplice possibile.

Spesso quando dovete scrivere una pagina web (o un post sul vostro blog) e vi servono delle immagini, magari per abbellire il vostro contenuto, se non ne avete delle vostre le cercate nella Rete ed una volta che le avete trovate avete due possibilità:

  1. Scaricare l’immagine sul vostro computer, caricarla sul vostro server/spazio web ed inserirla nella vostra pagina,
    che a livello di codice HTML si traduce in:

    <img src="http://www.vostro_indirizzo_web.com/immagine.jpg" title="esempio" />
  2. Inserire direttamente l’immagine all’interno della vostra pagina web utilizzando come indirizzo quello dell’immagine che avete appena trovato senza fare niente altro, che a livello di codice HTML si traduce in:
    <img src="http://www.indirizzo_web_non_vostro.com/immagine.jpg" title="esempio" />

Il primo caso è quello un pò più lungo e macchinoso ma consigliabile a tutti per svariate ragioni. Così facendo infatti sarete sicuri che l’immagine sarà sempre presente nella vostra pagina web anche quando magari il sito web dove l’avete scovata verrà chiuso, cambierà la sua posizione all’interno del server o sarà semplicemente irraggiungibile per qualche problema tecnico. Inoltre avrete un caricamento della pagina più omogeneo in quanto risiede tutto sullo stesso server. E’ però un metodo che se vogliamo è più faticoso e noioso soprattutto quando avete a che fare con tante immagini ma questo aspetto andrebbe trascurato se non altro per educazione.

Utilizzando il secondo metodo, molto più veloce e sbrigativo, quello dell’hotlink in sostanza, rimanderete sempre all’immagine che risiede sul server dove è ospitato il sito dove l’avete trovata. Questo, in parole povere, si traduce nel fatto che se un giorno quel sito non dovesse essere più raggiungibile per qualsivoglia motivo o dovesse semplicemente spostare la disposizione dei file, l’immagine sulla vostra pagina web non sarà più visualizzabile. Inoltre tutte le volte che qualcuno vorrà visualizzare la vostra pagina per vedere quel contenuto dovrà fare una richiesta al server dove questo risiede che nel restituirglielo consumerà della banda oltre che del tempo e delle risorse.

E’ ovvio che con questo secondo metodo andrete a rubare della banda, oltre che dello spazio e delle risorse da un server che non vi appartiene e questo non è bello né certamente educato.

Come posso proteggermi dall’hotlink

Ovviamente adesso l’idea che vi ballonzola per la testa sarà quella di come proteggersi dall’hotlink delle immagini in modo da non vedere quantità di banda sprecate per persone che se tutto va bene neanche conoscete. Per fare tutto ciò basterà modificare il file .htaccess della cartella dove si trovano le vostre immagini. Se volete rendere la protezione attiva su tutte le immagini presenti sul vostro server allora modificate il file .htaccess presente alla radice (root) del vostro spazio web.

Le righe da aggiungere sono le seguenti:

RewriteEngine on
RewriteCond %{HTTP_REFERER} !^$
RewriteCond %{HTTP_REFERER} !^http(s)?://(www\.)?vostro_indirizzo_web.com [NC]
RewriteRule \.(jpg|jpeg|png|gif|bmp)$ - [NC,F,L]

Ovviamente al posto di vostro_indirizzo_web.com dovete inserire il l’indirizzo web del vostro sito che per esempio nel mio caso sarà davidesalerno.net. Se volte permettere l’hotlink delle immagini a più di un indirizzo web basta copiare la terza riga e modificandola con l’indirizzo del sito a cui volete garantire questo privilegio. Con le righe sopra garantirete la visualizzazione delle immagini anche a coloro che visitano il vostro sito con il campo page referrer vuoto. Questo capita spesso soprattutto a coloro che utilizzano alcuni firewall o programmi antivirus che per sicurezza cancellano queste informazioni tra quelle inviate dal vostro browser al server. Così facendo anche costoro potranno vedere le immagini senza problemi.

Se però volete ristringere al massimo le possibilità di hotlink delle vostre immagini potete togliere anche questo privilegio cancellando la seconda riga. A voi la scelta

Soluzioni per non fare hotlink

Come evitare di fare hotlink è facile a livello teorico. Basta caricare le immagini sul proprio spazio web e chi ha un sito con un proprio servizio di hosting credo sappia benissimo come fare. Per tutti gli altri, ovvero per tutti coloroche hanno un sito web o un blog su piattaforme gratuite (WordPress, Blogspot/Blogger, Splinder, Live Spaces ecc ecc) che a livello gratuito non offrono una quantià infinita di spazio, il consiglio è quello di caricare le immagini su servizi come DivShare e/o ImageShack per poi fare l’hotlink sul vostro sito web.

Così facendo non danneggerete nessuno perchè i servizi sopra indicati sono fatti apposta per questo e sarete sicuri che finché DivShare e ImageShack funzioneranno le vostre immagini saranno lì pronte per essere visualizzate.

19 pensieri riguardo “Come proteggere le tue immagini dagli hotlink e risparmiare banda

  1. Caro Davide, dopo l’assistenza da te fornitami , ti rivolgo un’ulteriore domanda, confidando nella tua disponibilità e riconoscendo altresì la tua competenza.
    Sulla mia “Bottega d’Arte” avevo intenzione di inserire una musica che accompagnasse il visitatore che desidera conoscere le mie opere. Avendo Mio figlio, Maestro di musica, diplomato fra l’altro in chitarra classica, gli ho chiesto dicomporre una musica. Lui ben volentieri, mi ha composto ed eseguito con la sua chitarra “ottobre” e l’ho archiviata nel mio computer in “mp3”.
    Ti debbo dire, con sommo dispiacere, che comunque, non sono riuscito in nessun modo ad inserirla ed ad attivarla.
    Mi sai dare un consiglio?
    Quando entrerai nel mio sito, lasciami il tuo nik da inserire fra i miei siti preferiti.
    Un abbraccio,
    Giovanni Lo Curto

  2. Ciao Davide volevo ringraziarti per i tuoi consigli, cercherò al più presto di metterli in pratica.
    Volevo avere un tuo parere su l’antivirus del mio computer: avevo un Norton che mi è stato sconsigliato perchè troppo pesante; ora ho un NOD32 in prova, ma c’è chi mi consiglia l’Avast (gratuito..) Vorrei un antivirus sicuro che copra tutte le funzioni.. Tu che ne pensi? GRazie mauro

  3. @mauro

    Con il tuo client FTP preferito (Filezilla, Cyberduck, Transmission, Fetch ecc ecc) devi posizionarti nella cartella dove hai le immagini da proteggere e abilitare la visualizzazione dei file nascosti perchè il file .htaccess iniziando con il carattere punto (.) è di default invisibile.

    Se non esiste basta crearlo con un qualsiasi editor di testo come notepad inserendo le righe di codice di cui sopra nell’articolo e dandogli come nome per l’appunto .htaccess (il punto all’inizio è indispensabile)

  4. ciao Davide. Non sono granchè esperto di computer, ma ho tanto mio materiale di immagini (foto ) da proteggere nel blog che sto costruendo. Interessante tutto l’articolo di difesa degli hotlink, ma ho il problema a trovare l’inizio di tutto .
    Come si fa con il file .htaccess a cercarlo, dove devo cliccare in particolare?nel file o cartella immagine ma dove? non l’ho trovato..
    Credo che sia utile saperlo per tante persone inesperte come me.Ciao e grazie

  5. Caro Davide, il mio sito è ora visibile ed alla portata dei miei estimatori e collezionisti.
    Ancora grazie alla tua competenza es ai tuoi consigli che mi hanno permesso di agire risolutivamente per eliminare i problemi di visibilità del mio sito.
    Auguro Un Santo Natale e Felice Anno nuovo a te ed a tutti i tuoi lettori e fans.
    A presto,
    Giovanni Lo Curto

  6. Gentilissimo Davide,
    ho avuto già il privilegio, si fa per dire, di essere stato all’attenzione di qualcuno.
    Se visiterai il mio sito, ti farai un’idea della mia persona, anche perchè l’ho aperto non per scopi commerciali, ma per far conoscere le mie opere.
    Se poi tu cerchi nel web “locurtogiovanni” tutto attaccato oppure “xoom.arteinbottega.locurtogiovanni”
    sono certo che l’immagine che ti potevi essere fatto prima, sarà molto diversa, specialmente se vai nel sito scritto in giapponese.
    Perchè quelle botteghe non sono proprio le mie.
    Non so più cosa fare per poter verificare se ci sia stato un abuso oppure no, perchè improvvisamente ti trovi in una città di persone tutte gentili, ma senza volto e proprio per questo senza volontà di poterti aiutare perchè non ti riconoscono, non parlano la tua lingua; insomma un mondo di sordi senza volto.
    Penso che sarebbe bello dare degli avvertimenti ai tuoi estimatori su come difendersi da certe situazioni
    Distinti saluti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.