La blogosfera che non vorrei…

L’altro giorno ero alla ricerca di qualche recensione imparziale sul nuovo Nokia X6 da 16GB visto che ultimamente la pubblicità di questo prodotto è martellante ed onnipresente sui principali portali di vario genere che visito quotidiamente (da eBayKelkoo passando per la Gazzetta dello Sport tanto per fare qualche nome… potere dei cookie traccianti? mah…). Incuriosito da un investimento pubblicitario così massiccio da parte di un produttore che a mio modesto avviso ha ben poco bisogno di pubblicità, visto e considerato le caratteristiche del prodotto in questione (display capacitivo, memoria di massa da 16GB e fotocamera da 5 MegaPixel) e soprattutto l’invitante prezzo di listino di soli 329 euro, volevo leggere qualche parere di utenti che di tasca propria avessero investito tale cifra per il suddetto prodotto snoccialandone pregi e difetti senza condizionamenti e/o riverenze varie.

Visto che Google non mi ha affatto aiutato nella ricerca, presentandomi le recensioni fatte per sentito dire dai soliti magazine online del settore, mi sono affidato agli innumerevoli aggregatori di blog et simili (da Liquida a Blogbabel passando per Wikio e finendo con BlogNation) ed il risultato è stato desolante.

Le stesse recensioni presenti sui magazine del settore erano presenti, traslate sotto forma di articoli, in tutti i principali blog che i vari aggregatori mi hanno presentato come risultato della ricerca. Ovviamente sia nel caso dei magazine che in quello degli pseudo-blog le fonti erano i soliti 3/4 siti di notizie del settore in lingua inglese e pertanto gli articoli erano delle variopinte traduzioni di tali articoli in italiano che riportavano banalmente le caratteristiche del prodotto e con aggettivi, avverbi, nomi e verbi sapientemente scelti dal dizionario dei sinonimi e dei contrari per evitare pericolose duplicazioni di contenuti.

Alla fine della fiera sono rimasto estremamente insoddisfatto perchè oltre a non essere riuscito a trovare quello che cercavo ho notato con estremo rammarico che le discussioni sono morte e con esse i tanto decantati contenuti generati dagli utenti. Purtroppo allo stato dei fatti la coda lunga sta sempre più diventando una coda mozza: chi riempe le proprie pagine di parole  rivolte a Google con una frequenza ed una costanza da fare invidia ai cinesi ha avuto la meglio su quelli che sporadicamente scrivevano qualcosa di  utile e sensato per pochi intimi.

A proposto, se qualcuno ha un Nokia X6 da 16 GB e vuole farmi sapere come si trova sono qui tutto orecchie.

6 pensieri riguardo “La blogosfera che non vorrei…

  1. E’ un problema globale e, purtroppo, temo senza soluzione. D’altra parte, se hai deciso di parlare di cellulari e vuoi fare un po’ di soldini con la pubblicità, non puoi limitarti a parlare soltanto di quelli che hai visto e toccato.

    Aggiungi che per pochi dollari puoi pure trovare gente che ti scrive un articolo a partire dalle parole chiave. (conosco un blogger delle Filippine che campa in questo modo)

    Finita la bolla pubblicitaria magari si cominciano a trovare articoli fatti da gente che almeno ha preso l’oggetto in mano.

    Io, nel mio piccolissimo, mi sono promesso di scrivere esclusivamente di quello che faccio … per quel che può servire …

    1. Ovviamente non si può fare di tutta l’erba un fascio.

      Però è la constatazione di una tendenza poco confortante.

      A volte sarebbe meglio non trovare nulla che qualcosa scritto solo per mero tornaconto economico.

Rispondi