Meno male che c’è la crisi…

Anche quest’anno si sta avvicinando in modo tremendamente veloce l’estate. Questo periodo per molti (e purtroppo non per tutti) è sinonimo da sempre di ferie e quando possibile di vacanze (non sempre le due cose si incontrano). Gli ultimi dodici mesi sono stati molto pesanti per il sottoscritto sotto parecchi punti di vista e considerato il fatto che sono almeno 4-5 anni che non faccio una vacanza come si deve, quest’anno la prerogativa è di staccare la spina almeno per una decina di giorni. Riuscirne a fare quindi sarebbe proprio il massimo.

1631494_042a25a9b9_o


Crediti foto: Crisis

Da 25 anni a questa parte bastano metà delle dita di una mano, forse anche meno, per contare le volte che il sottoscritto o chi ne deteneva la patria potestà fino alla maggiore età, hanno prenotato una vacanza. In famiglia non amiamo comprare a scatola chiusa e ci piace andare sempre in posti diversi e le due cose non vanno molto d’accordo con la pianificazione (prenotazione inclusa) delle vacanze estive. Generalmente si è sempre deciso la destinazione (mare o montagna) e poi si è partiti verso qualche meta più o meno imprecisata alla ricerca della sistemazione più adatta.

Oggi molti definirebbero tale modus operandi come lastminute. Noi che in famiglia siamo avanti il lastminute l’abbiamo sempre utilizzato con discreto successo dall’inizio degli anni ’80.

Quest’anno, visto che sono parecchio stanco e vorrei limitare al minimo gli stress vacanzieri, mi sono deciso che è giunta l’ora di prendere carta, penna, calcolatrice e telefono e pianificare tutto alla perfezione per fare poi il conto alla rovescia aspettando il fatidico giorno della partenza per le vacanze.

Destinazione Italia ( o almeno vorrei evitare lunghi viaggi anche solo continentali ) alla ricerca di sole, mare, spiaggia e tanto relax.

Complice la grande crisi economica e il continuo lamentarsi degli albergatori in ogniddove che prevedono una stagione funesta, mi aspettavo di riuscire a trovare qualcosa di non troppo costoso che soddisfacesse le mie poche pretese in tempi brevi.

Mi sbagliavo.

Sono quindici giorni, forse anche più, che continuo a gironzolare tra internet ed agenzie e a sentirmi dire che “non c’è posto”, “mi spiace tutto è esaurito” e le solite frasi del caso…

Ora capisco benissimo che il periodo ( dal27 luglio al 9 agosto indicativamente) in cui cerco è da sempre il più  “richiesto” dal popolo dei vacanzieri, però non mi sono mai mosso con 2 mesi e mezzo di anticipo con questi pessimi risultati. Qualcosa di libero c’è ancora ma o i prezzi sono fuori dal mercato (spendere 150 euro a persona per una pensione completa di questi tempi per me è inconcepibile) oppure i posti sono irraggiungibili se non con la macchina e devi prendere la macchina anche per andare in spiaggia.

Ho cercato sia tra le strutture alberghiere che tra i residence, camping (boungalow), bacheche di annunci per affitto di monolocali, ma niente da fare: ormai sono quasi rassegnato al classico lastminute.

In conclusione, il prossimo che sento aprir bocca e parlare di  crisi, specialmente se albergatore, lo fucilo seduta stante.

Voi vi siete già organizzati? Dove andate di bello? Se cercate compagnia per formare un gruppo più o meno numeroso e cercare di risparmiare qualche euro e mi contattate, potreste trovare due persone che fanno al caso vostro.

Aspetto fiducioso consigli e/o contatti 😉

Aggiornamento: Abbiamo prenotato all’Hotel Silvano. Le premesse sono buone, speriamo non vengano deluse. Vi terremo aggiornati (Gloria ed io).

11 pensieri riguardo “Meno male che c’è la crisi…

  1. Scusate l’intromissione ma sapete dirmi come e’ l’Hotel Silvano di Diano Marina? Dal sito sembra bello ma ho paura che dietro ci sia nascosto qualche pacco……Soprattutto mi piacerebbe sapere come e’ il cibo, la pulizia e la spiaggia privata. Grazie mille

    1. io ci sono stata per 2 anni l’anno scorso tutto ok cucina ottima, pulizia eccc… ,peccato che quest’anno sia cambiata la gestione da lasciar perdere

      1. anch’io sono una vecchia cliente dell’ hotel silvano non condivido il commento perchè rispetto agli altri anni è aumentato il livello ,in particolare la cortesia

        1. Marco anche io non condivido il commento di Grazia…. visto che non avevo ricevuto risposte sono andato a fine giugno all’hotel Silvano con la mia famiglia e ci siamo trovati molto bene per quanto riguarda cortesia e cibo. Tutti ci hanno trattato molto bene e sia a pranzo che a cena c’era molta varieta’ e qualita’. Il costo e’ inoltre tra i piu’ competitivi. La camera era molto spaziosa con un bel bagno. La pulizia non era eccelsa ma accettabile…per farci cambiare gli asciugamani della doccia abbiamo dovuto buttarli per terra e sporcarli un po’. Altre note non positive sono la mancanza di una saletta interna per bambini…per un hotel a misura di famiglia non e’ il massimo. C’era una bella sala tv ma per bambini piu’ piccoli non interessa tanto. Ci sono dei tricicli nella terrazza sotto alla piscina e dei giochi per bambini molto piccoli proprio accanto alla piscina. Aggiungo poi che la spiaggia privata molto vicina all’hotel e’ parecchio scadente…sabbia riportata su un molo. Sul sito certamente hanno cercato di nascondere tutto cio’ mettendo delle foto piccole in cui sembra di vedere una bella spiaggiona sabbiosa. E invece vicino al mare sono tutte pietre. Gli orari sono in linea con gli altri alberghi colazione 8-9.30, pranzo 12.30-13, cena 19.30-20, spiaggia 8-18.30, piscina 9-13 e 15-18. E per ultima la nota dolente del parcheggio…..se si deve lasciare li ferma tutto bene ma sia in quello esterno che quello interno se uno deve uscire si ritrova chiuso da tutte le altre macchine ammassate una vicino all’altra. Per questo si devono lasciare le chiavi in portineria!! Complessivamente quindi e’ un buon albergo per starci qualche giorno magari a mezza pensione puntando su altre spiagge….l’ultimo giorno siamo stati su una spiaggia libera verso il centro di Diano Marina ed era uno spettacolo!! Ciao

  2. Mai fatta una vacanza in vita mia. Nella mia famiglia di origine non è mai esistita l’abitudine di fare le vacanze o di fare i regali di natale. D’estate è stato sempre tempo di grande lavoro (sopratutto raccolta tabacco). E’ esistita la befana ma non babbo natale. Ora ho anch’io un figlio e sarò costretto ad uniformi all’andazzo e non scoppierò più a ridere quando per televisione sento “Hai già pensato ai regali?” “Hai già prenotato le vacanze?”. Ma le trovo cose talmente stupide che cominciare proprio ora mi costa davvero molto. Ma come posso fare altrimenti?

  3. Si sa che gli italiani per andare in vacanza spendono anche i soldi che non hanno. Io qualche estate fa sono andato in Croazia spendendo pochissimo (e oltretutto il mare era stupendo).

  4. Stessa cosa pensavo io su friendfeed. Firenze il primo maggio scoppiava e ho fatto fatica a trovare un posto.

    Quest’estate i prezzi sono alti. Io per motivi che non ti sto a raccontare quest’anno me ne starò a casa.

    Ma magari è solo perché nonostante la crisi (e ne ho viste di ditte chiudere qui in zona) gli italiani alle vacanze non rinunciano.

Rispondi