Categorie
MondoMac MondoWin

Tele2 ed il mistero dell’SMTP

Avete un account di posta presso Tele2?

Non riuscite più a scaricare la posta sul vostro client preferito?

Tutto ciò accade all’incirca dal 30/09/2006?

Non vi preoccupate, perchè se non avete commesso nessun reato informatico che abbia come pena la disattivazione della vostra casella di posta elettronica la spiegazione a tutto questo è molto ma molto più semplice. Tele2, come comunicato sul proprio sito nell’area assistenza, dalla data precedentemente indicata ha spostato il proprio server SMTP in ascolto sulla porta 587 al posto di lasciarlo su quella di default che è la 25. Il motivo? Con ogni probabilità per motivi legati all’Alleanza Anti-spam cui molti provider ormai aderiscono.

La domanda nasce spontanea… come direbbe qualcuno di cui al momento non ricordo bene il nome. Semplice se utilizzate Outlook andate in Strumenti –> Account –> Selezionate il vostro account di Tele2 –> cliccate sul tasto Proprietà a destra e vi si aprirà la finestra delle proprietà come sotto:

Impostazioni Avanzate

Selezionate a questo punto la linguetta Impostazioni Avanzate e quindi andate a cambiare il numero di default della porta che è il 25 mettendo il nuovo numero che è 587.
Se invece siete utenti Mac ed utilizzate Mail andate nel menù Mail –> Preferenze –> Account –> Selezionate l’accont di Tele2 e nella linguetta Informazioni Account in fondo cliccate sul bottone Impostazioni Server che si trova subito sotto il campo di testo con l’indirizzo del server smtp che dovrebbe essere smtp.tele2.it. A questo punto vi compare una finestra contente le impostazioni del server come quella sotto.

Mail Impostazioni Server

Non vi resta che sostituire nel campo Porta Server il numero di default 25 con il famigerato 587 e cliccare su OK.

30 risposte su “Tele2 ed il mistero dell’SMTP”

Su mozila non so dirti di preciso i passi da fare per scaricare la posta ma dovresti trovare la sezione dove sono presenti i dati dei vari account (di solito è qualcosa del tipo Preferenze/Opzioni-> Account) e poi nella sezione dedicata al sever SMTP dovresti trovare qualche casella di testo contenente il numero della porta di default (25) da cambiare con la nuova (587)

ciao,scusate se m’intrometto.
volevo dire che finalmente son riuscito a mandar email con tele2 usando una posta diversa :mrgreen: .

leggete qui:http://www.tele2mail.com/manual/outlookexpress/ solo che al punto (5) invece di spuntare “Usa le stesse impostazioni del server della posta in arrivo” ,bisogna selezionare “accesso tramite” e inserire nome account e password usate per la posta di tele2! anche se non lo usate,l’indirizzo tele2 lo avete. quindi il nome account sara’ xxxxx@tele2.it e la password,quella che avete dato al momento della registrazione della mail.

ciao spero di essere stato utile. 🙂

Beh… in effetti non è proprio così.
In realtà loro voglio essere sicuri del fatto che a collegarsi sia davvero un utente di tele2.
Quindi è possibile (ora… per la miseria!…dopo furor di popolo) inviare mail anche da altri indirizzi di posta, es @tiscali.it.

Il fatto che l’autenticazione avviene tramite username e password di tele2 (anche se si è già utenti ADSL occorre registrarsi nuovamente su http://www.tele2internet.it ed utilizzare questi dati per identificarsi per la posta).

La cosa che mi fa rabbia, è che hanno un servizio pessimo di assistenza, e la cosa che brucia è che si paga pure.
Hanno risolto il problema solo perchè migliaia di persone hanno chiamato indiavolate promettendo, come me, disdette nella migliore delle ipotesi, e cause legali da parte di altri.

Io ho chiamato il numero di assistenza, per capirci a costo chiamata urbana, per poi essere reindirizzata ad un altro numero “tecnico” a 60cc al minuto….
E mi va pure bene… si fa per dire… purchè qui ci siano dei tecnici per la miseria! invece picche!
Il mio problema è che come client uso Eudora, versione 6, per cui con l’autenticazione SSL non riuscivo ad accettare il loro certificato (pare che non sia molto coerente), nemmeno facendo Add Trusted.
Quindi ho chiesto come reperire questo certificato (che Tele2 ha dato che lo usa per autentificare e non è nulla di segreto), e mi sono sentita rispondere “Ah… beh deve andare sul sito http://www.tele2int...”
e io “none! non c’è nulla e quella roba l’ho già fatta!”
e loro “Ah.. beh allora deve andare in un negozio di informatica…”
a questo punto ho capito che loro di informatica ne sapevano quanto Camillo Benso conte di Cavour….
E ho detto “Che c’entra negozio di informatica?” e loro “Ah beh noi siamo autorizzati solo per rispondere di Outlook e Mozilla”
e io “Non c’entra un emerito nulla! Il certificato è indipendente dal client! Ma lei lo sa che cosa vuol dire SSL?”
E l’operatore “beh sono informazioni che non siamo autorizzati a dare..”.

E tutto questo a pagamento.. questo è il riferimento più tecnico che ha tele2… ma siamo impazziti?????

Questo mi fa incavolare… che solo a furor di popolo hanno pubblicato come si fa a spedire con altri account, lasciandoci in balia di questo numero telefonico a cui rispondono evidentemente delle badanti…

Se era un’azienda seria doveva
. contemporaneamente alla modifica, doveva (se non prima) pubblicare tutte le modalità e parametri per le nuove configurazioni, sia per @tele2.it sia per @chissachi.it
. avvisare (io non sono stata avvisata) via mail tutti gli utenti
. istituire un Serio e Competente servizio di assistenza, che magari per una settimana seguiva queste pratiche da un numero non a pagamento ma gratuito, da persone INFORMATE (non grido ma sottolineo)
del cambiamento, quindi con una certa competenza che potessero guidare utenti con problemi o inesperti con il minimo dispendio di tempo (io ci ho perso una settimana).

Con questo è chiusa la faccenda, ma non è chiusa la figuraccia che ha fatto tele2.

Purtroppo Tele2, come ormai quasi tutti gli operatori sul mercato, impedisce l’invio di posta elettronica con account che non siano tele2 semplicemente perchè da un pò di tempo a questa parte i provider (e quindi in questo caso Tele2) sono direttamente responsabili della spam che viene inviata dai loro server di posta.

Per evitare quindi che chiunque abbia una connessione ad internet Tele2 invii delle mail di spam con un indirizzo qualsiasi ( esempio: superfurbo@solospam.com ) e ci vada di mezzo per tutto questo Tele2, il modo più sicuro è impedire ai propri abbonati di mandare delle mail con indirizzi diversi da quello che Tele2 ha assegnato loro.

Se così non fosse gli spammer ci andrebbero a nozze perchè basterebbe una connessione Tele2 per inviare liberamente tutte le mail di spam che vogliono con gli indirizzi più fantasiosi, bizzarri ed inesistenti possibili ed immaginabili. Il problema sta nel fatto che per scaricare la posta è necessario autenticazione con nome utente e password, per inviarla no…

Quindi l’unico modo per non impiegare le proprie giornate a rintracciare gli spammer, sperando di riuscirlo a fare prima o poi in qualche modo, l’unica soluzione è mettere un filtro che impedisce di inviare delle mail con indirizzi diverso da quello di Tele2

Anche io ho avuto lo stesso problema… a parte che di questo cambiamento c’è davvero stata poca pubblicità, io ho chiamato il famigerato servizio di assistenza… pagandolo caro.. tra l’altro aspettando ho dovuto sorbirmi anche la loro pubblicità (per il 187 gratuito ok, qui no).

Beh… a parte che prima mi dicono che risolveranno il problema perchè è il loro il problema… mi dicono di cambiare le configurazione e le cambio (STARTSSL abilitato e porta smtp su 587) ma nulla.. perdo una giornata in forum, newsgroup, eccetera per capire se era un mio problema…

Richiamo… sempre con un’attesa non indifferente e mi viene detto da un certo Fabio “Ah… beh da ora in poi si può solo spedire con posta tele2… non c’è nulla da fare e sarà così punto e basta…” io mi infurio perchè anche io non utilizzo posta tele2 e non vedo perchè devo essere costretta a farlo…
Inoltre sul sito http://www.tele2mail.com è chiaramente detto nel secondo paragrafo che si potranno inviare anche mail non tele2…

Il risultato è che è inutile chiamare questo servizio d’assitenza, perchè in realtà è solo un call center in cui sanno alcune cosette dette (tipo configurazione outlook, se uno ha eudora già vanno in panne), e inoltre dicono cose differenti l’uno dall’altro…

E’ veramente una vergogna… tra l’altro io ho optato proprio per tele2 ADSL quando dovevo scegliere, tra l’altro scartando la più economica LIBERO proprio perchè come politica aveva limitato alcuni servizi. Invece tele2 non aveva limitazioni.
E riceverle in corsa non mi piace per niente!

Non so voi… ad ora non funziona nulla. Il problema poi è che hanno un certificato non conforme per il SSL e quindi non si riesce ad importare.

Sono schifata e sto veramente pensando a FASTWEB.

Io ho fatto quanto descritto nel post ad un amico che usa una connessione dial-up (56 kb) e non riusciva più a scaricare la posta. Non nascondo però che ho avuto non pochi problemi perchè una volta impostato tutto correttamente per la ricezione non funzionava l’invio…

Se la posta non funziona anche cambiando il numero di porta l’unica è chiamare Tele2 per farsi spiegare come impostare Outlook o Mail per farla funzionare e nel frattempo controllare la posta dal sito di Tele2 tramite la webmail

Di solito chi ha un proprio dominio web vuole mandare la posta email con il proprio nome registrato e non vuole utilizzare quelli gratuiti o quelli configurabili con il fornitore del servizio ADSL, forse la sostituzione della porta 587 funzionerà con con chi ha posta tipo “pippo@tele2.it” ma a chi utilizza tele2 per la connessione ADSL e non per i servizi di posta (non certificati e privi di qualsiasi responsabilità sul servizio)NON FUNZION NULLA !!!!!! cortesemente chiedo aiuto a chi potesse sapere come fare per utilizzare ancora tele2 e non dover passare ad altro gestore. 😳

Ho controllato ed il numero di porta non è stato cambiato… quindi così deve funzionare per forza a meno di blackout temporanei dei server di posta di Tele2 cosa del tutto plausibile e possibile o di qualcos’altro di errato nella configurazione del client.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.